Trentino Sviluppo

EU-BIC
EU-BIC
Visit Trentino
Visit Trentino
dal 20/05/2022

Programma FESR: sono arrivati i contributi per le PMI trentine

A partire dal 16 maggio 2022 è online il bando FESR che permette alle PMI trentine di richiedere fino a 250.000 euro di contributi a fondo perduto per il miglioramento dei processi aziendali. 

Il bando rientra nel nuovo programma FESR 2021-2027 del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di finanziare gli investimenti produttivi materiali e immateriali e le spese di consulenza delle piccole e medie imprese trentine, per migliorare i processi aziendali e quindi la competitività sul mercato.

QUALI VANTAGGI OFFRE IL BANDO FESR ALLE PMI? 

L’iniziativa nasce per incentivare le imprese interessate ad investire nel miglioramenti dei processi produttivi attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto per coprire le spese sostenute in termini di acquisto di beni materiali, come macchinari o attrezzature, e di servizi di consulenza. 

Le spese ammissibili si riferiscono alle seguenti categorie:
  • acquisto componenti, macchinari;
  • acquisto attrezzature ed impianti produttivi (comprese spese di impiantistica legata agli investimenti);
  • acquisto di macchinari d’ufficio, ivi compresi sistemi informatici hardware e software (solo se correlati al processo produttivo e non alle attività amministrative di comunicazione, acquisto/vendita, ecc.);
  • acquisto di brevetti e diritti di utilizzazione di tecnologie volti al miglioramento/trasformazione del processo produttivo;
  • spese di digitalizzazione del processo produttivo.
Per quanto riguarda invece le spese di consulenza, il contributo coprirà le spese di:
  • servizi di consulenza e di supporto tecnico/scientifico;
  • servizi di consulenza acquisiti per l’introduzione in azienda di tecniche di organizzazione produttiva ispirate al principio della qualità totale come il Kaizen, lean manufacturing (anche in riferimento alla supply chain);
  • servizi di consulenza per l’implementazione dei principi Industria 4.0;
  • costi di validazione ergonomica, collaudo, omologazione e certificazione;
  • spese relative all’analisi del contesto brevettuale e all’ottenimento di brevetti collegati alla trasformazione/miglioramento del processo produttivo (non al prodotto).
Il contributo effettivo che l’azienda può ottenere è determinato sulla base del costo del progetto, del regime di aiuto prescelto e con riferimento alle spese ritenute ammissibili, il totale delle quali dovrà però essere superiore a 200.000 euro e compreso nel limite massimo di 2.500.000 euro. Va ricordato che il contributo massimo concedibile è pari a 250.000 euro: qualora la spesa ammessa dia diritto ad un contributo maggiore, questo verrà sempre rideterminato in 250.000 euro.

A CHI SI RIVOLGE IL BANDO?

Possono avanzare richiesta le piccole e medie imprese già avviate con sede legale ed operativa nel territorio della Provincia di Trento o con un’unità operativa attiva nel territorio provinciale oppure con sede legale e operativa fuori dal territorio della Provincia autonoma di Trento.Inoltre, per accedere al contributo è necessario soddisfare i seguenti criteri:
  • essere costituite da almeno 3 anni alla data di presentazione della domanda;
  • esercitare un’attività rientrante in uno dei seguenti codici ATECO; 
  • aver sostenuto un assessment effettuato da un assessor accreditato presso Trentino Sviluppo;
  • non essere in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  • non avere in corso procedure concorsuali;
  • non essere imprese in difficoltà;
  • essere dotate di contabilità ordinaria.

COME RICHIEDERE I FINANZIAMENTI?

Per accedere ai contributi, le imprese interessate devono presentare un progetto o un piano delle spese necessarie per il miglioramento dei processi produttivi già esistenti o per la loro introduzione ex novo.

Per presentare le domande è necessario essere in possesso del sistema di identità digitale SPID. Le richieste verranno prese in considerazione dal 16 maggio 2022 fino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Per informazioni più dettagliate in merito a requisiti e modalità di partecipazione, ti invitiamo a consultare la sezione dedicata.



Torna all'elenco Indietro