Trentino Sviluppo

Visit Trentino
Visit Trentino

Edificio Meccatronica: a Collini Lavori l'aggiudicazione provvisoria

28/03/2012 -

(d.m.) – Fa capo a Collini Lavori Spa, in associazione temporanea con le imprese Ediltione S.p.A., Martinelli & Benoni S.r.l., Consorzio Cooperative Costruzioni Soc. Coop., Consorzio Lavoro Ambiente Soc. Coop., la cordata che ha presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori del nuovo edificio produttivo del Polo della Meccatronica di Rovereto. Collini ha ottenuto il miglior punteggio complessivo offrendo un ribasso del 21,6 per cento su una base d’asta di  20,95 milioni di euro. L’importo di aggiudicazione è quindi pari a 16,43 milioni di euro. Questo l'esito della commissione di gara riunitasi in seduta pubblica nella mattinata di oggi, mercoledì 28 marzo, presso la sede di Trentino Sviluppo e che ha portato all'individuazione di Collini Lavori come possibile aggiudicatario provvisorio. Nei prossimi giorni, fatte le dovute verifiche, Trentino Sviluppo provvederà all'aggiudicazione definitiva della gara nei termini previsti dalla normativa.

Soddisfatto che la domanda pubblica abbia intercettato un così vasto interesse delle imprese, ma anche per l’assegnazione dei lavori ad una cordata del territorio, Alessandro Olivi , assessore all’Industria, Artigianato e Commercio della Provincia autonoma di Trento. «Sul Polo della Meccatronica – osserva Olivi - la Provincia si è data poco più di un anno fa un obiettivo strategico e su questo stiamo procedendo con grande concretezza, convinzione e celerità. Stiamo rispettando tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati, questo a dimostrazione dell’efficienza di Trentino Sviluppo».
«Parliamo di un progetto di oltre 90 milioni di euro, comprendendo anche i poli scolastici – sottolinea Olivi - ed è significativo che il primo edificio ad essere realizzato sia proprio quello riservato alla parte produttiva. La meccatronica è per noi un nuovo modo di pensare lo sviluppo industriale e produttivo del Trentino, ove sempre meno la Provincia potrà intervenire nelle singole attività, ma sempre più si adopererà per favorire la competitività del contesto. L’ambizione è quella di generare, attraverso la meccatronica, una forza attrattiva anche nei confronti di aziende non trentine, creando un polo di alta specializzazione in grado di garantire un’occupazione importante e qualificata».
La cordata guidata dall’impresa Collini Lavori Spa ha ottenuto il miglior punteggio complessivo offrendo un ribasso del 21,6 per cento su una base d’asta di  20,95 milioni di euro, esclusi gli oneri della sicurezza. L’importo di aggiudicazione è quindi pari a 16,43 milioni di euro. All’impresa aggiudicataria peraltro è stato attribuito il secondo miglior punteggio nelle valutazioni tecniche. La direzione dei lavori rimarrà in capo allo staff tecnico di Trentino Sviluppo che ha firmato anche il progetto definitivo.
Tre piani, 20 mila metri quadrati complessivi di superficie, il nuovo edificio “ad L” sorgerà entro l’estate 2013 all’estremità sud–ovest dell’attuale Polo Tecnologico di via Zeni. L'opera, pur trattandosi di un compendio industriale, ha connotazioni tecniche e qualitative elevate, in particolare per quanto riguarda i serramenti, i pannelli parete e le pareti degli uffici. Il criterio scelto per l’aggiudicazione non è stato perciò quello del massimo ribasso, bensì quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Una scelta progettuale e costruttiva dettata dagli stessi criteri di aggiudicazione dell'appalto già approvati dal CTA (Comitato Tecnico Amministrativo della Provincia), che prevedevano l'attribuzione all'offerta tecnica di un peso massimo pari a 70 punti ed a quella economica di 30 punti.
Dieci le associazioni temporanee di impresa (ATI) che hanno partecipato alla gara per la costruzione del nuovo edificio che costituirà l’anima produttiva del Polo Meccatronica di Rovereto, per complessive 32 aziende, 28 delle quali trentine.
Con l’assegnazione provvisoria di oggi e quella definitiva che seguirà a breve, si conferma quindi il pieno rispetto della “road map” stilata da Provincia e Trentino Sviluppo che fissa la posa della prima pietra entro l’estate 2012 e l’ultimazione dei lavori entro l’estate 2013. All’aggiudicatario ora infatti vanno 60 giorni di tempo per mettere a punto la progettazione esecutiva delle opere.

Download

Torna all'elenco Indietro